La storia

Black in Bo nasce nel 2014 raccogliendo l’esperienza decennale del Castelfranco Blues Festival. L’Associazione, fondata da Alberto Renzi che ne è stato presidente fino alla sua scomparsa nel dicembre del 2017, si propone di promuovere la cultura musicale Afro-Americana organizzando eventi musicali, workshop e approfondimenti tematici, rivolgendosi in particolar modo alle giovani generazioni. Black in Bo in breve tempo è riuscita a portare in Italia vari musicisti americani che hanno contribuito a rendere grande la Black Music nel mondo consentendo parallelamente a musicisti italiani di condividere il palco con loro.

Progetti

Castelfranco Blues Festival: nato nel 2004 da un’idea di un gruppo di amici tra cui Guido Poppi che ne è tuttora il direttore artistico, si prefigge lo scopo di valorizzare le realtà blues italiane; successivamente si apre anche ai grandi artisti stranieri, soprattutto di oltre oceano.
Il festival ha raggiunto il quindicesimo anno di attività ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento per il blues incentivando il vivaio di giovani artisti italiani con un valido background musicale alle spalle. Black in Bo ha organizzato le ultime quattro edizioni: le prime tre al Teatro Dada e l’ultima nel 2017 nella Piazza Garibaldi.
Tra i tanti artisti che hanno al Festival si evidenziano David Hudson, Jerry Jones, Steve Freund, Eugenio Finardi, Bruce James e Bella Black, Popa Chubby. Nel settembre 2016 è stato realizzato in collaborazione con il Comune di Bologna (Bologna estate 2016) e con il Quartiere San Donato / San Vitale, Armonica soirèe, il primo Festival dedicato all’armonica a bocca ripetuto nel settembre 2017.

Attività

Nel 2016 l’associazione, in collaborazione con la band bolognese Groove City, Rick Hutton (storico conduttore di Videomusic e presentatore del Porretta Soul Festival) e Graziano Uliani (direttore artistico del Porretta Soul Festival), realizza lo spettacolo The Soul Story dedicato agli anni d’oro della Soul Music. Lo spettacolo debutta all’Unipol Auditorium e viene ripetuto nella splendida cornice dell’Ex Oratorio dei Celestini di Bologna, in collaborazione con l’Associazione ProBone. Nell’agosto del 2016 Black in Bo organizza insieme al locale Serena 80 il concerto di Luther Dikinson.
Nel 2017 l’associazione promuove lo spettacolo teatrale “Re-spect!...Queen Aretha” con la cantante Daria Biancardi e la band Groove City, show ispirato alla storia di Aretha Franklin e realizzato in collaborazione con l’Associazione palermitana LiberalArte per la regia di Silvia Marino. Lo spettacolo debutta nell’ottobre 2017 al Teatro Santa Cecilia di Palermo ed è stato ripetuto in collaborazione con l’associazione Life and life al Teatro Jolly.

Attività

Oltre a questo nuovo evento sono state realizzate dal 2004 presentazioni di libri e proiezioni di documentari sul blues, lezioni, workshop di approfondimento su strumenti musicali; a partire dal dicembre 2014 è anche iniziata una collaborazione con il locale bolognese Bravo Caffè nel quale si svolge una rassegna destinata alla musica nera denominata “Black Bravo”. L’Associazione realizza anche vari eventi basati sull’abbinamento tra la musica di ispirazione “Black” e il buon cibo come “Fish &Blues” , “Food & Music”.
Nell’aprile 2018 partirà il primo Contest Black in Bo in collaborazione con il locale Ex-Forno Mambo e l’associazione modenese Avanzi di balera. Un concorso dedicato ad Alberto Renzi e aperto a gruppi di giovani musicisti, il vincitore potrà esibirsi al Porretta Soul Festival.